speciale gdr in solitario

Ciao a tutti e ben tornati sulle pagine di questo blog. L’articolo di oggi è particolare rispetto alle solite recensioni perché non parla di un singolo gioco di ruolo ma bensì di una serie di titoli accomunati da una peculiare caratteristica: la possibilità di essere giocati in solitario.

Giochi di ruolo in solitario? Esatto! La cosa potrebbe sembrare strana ma guardando al termine nel senso più ampio non è certo una cosa impossibile. Se un gioco vi permette di creare una storia originale influenzata dalle scelte che farete con il vostro personaggio non è forse la stessa cosa che otterreste con un Game Master al tavolo? La differenza tra un libro game e un GDR in solitario è proprio questa: nel primo leggerete una storia che però è strutturata a bivi narrativi, farete delle scelte ma sempre rimanendo nei binari scritti dall’autore. Nel secondo caso invece, creerete la storia da zero e tramite le regole interagendo con essa attraverso situazioni non predefinite.

In questo difficile momento in cui siamo tutti costretti a casa, questo articolo punta ad aprire una finestra su un genere di giochi che spesso passano in sordina, ma che magari vi possono regalare qualche ora di sano svago e divertimento anche se non potete avere al tavolo i vostri fidati compagni di gioco!

E ora iniziamo, il primo titolo in esame è:

Seekers Beyond The Shroud

Ambientazione: horror contemporaneo. In Seeker giocheremo nei panni di un iniziato alle arti oscure, che dopo aver vissuto un’esperienza paranormale ha deciso di investigare sul mondo nascosto tra le pieghe della normalità. Ci muoveremo in una Londra occulta, tra spiriti, sette mistiche e ordini occulti, compiendo missioni ed accrescendo costantemente il nostro potere.

Creazione del Personaggio: Seeker mescola diversi elementi dei classici del GDR, ci sono i sei classici attributi della OSR (Forza, Destrezza, Costituzione, Intelligenza, Saggezza e Carisma) innestati su un sistema di abilità percentuale tipico del Basic Role-Playing. La parte più interessante nella creazione del personaggio è determinare il background, tirando 1d10 sull’apposita tabella e ottenendo uno dei dieci “inizi”, ovvero il fatto oscuro che ci ha aperto gli occhi al mondo dell’occulto. Si passa da Maledetto a Esperienza di pre morte, fino a Topo di biblioteca. Ogni background ci fornirà una bella introduzione narrativa, alcuni bonus esclusivi e uno Scenario esclusivo (le avventure nel gioco) che potremo sbloccare nel tempo. Anche se il gioco poi si sviluppa sempre allo stesso modo devo dire che 10 punti di partenza differenziati non sono affatto male.

Sistema di gioco: per stessa ammissione dell’autore, Seeker si ispira agli RPG online dove il personaggio ha un Hub di riferimento a cui tornare, in questo caso la sede dei Cercatori dell’occulto, e dalla quale ottiene quest sempre differenti da affrontare. Il gioco mette in campo anche una parte gestionale in cui potremo metterci a studiare nuove conoscenze con cui acquisire nuovi poteri e abilità. Tutto è scandito da un calendario diviso nei sette giorni della settimana e nella quattro fasi lunari, in modo da ottenere 4 slot  giornaliere in cui pianificare le azioni del personaggio: studio, missioni ecc. Dal punto di vista dello sviluppo del personaggio Seekers fa davvero un gran lavoro: alchimia, spiriti, rituali, contatti con occultisti famosi, ce n’è davvero per tutti i gusti.

Le avventure: ma come si svolgono le avventure in Seekers? Di base sceglieremo un tipo di locazione (antiche rovine, case abbandonate, fogne, ecc) da esplorare sia con una specifica missione data da una delle fazioni in gioco o semplicemente in cerca di esperienza e segreti. Ogni locazione presenta 20 opzioni e grazie ad apposite tabelle si generano locazioni con la loro descrizione ed effetto. Ci sarà da combattere, e tanto, sempre con i nemici generati dalle tabelle. È proprio sul combattimento che il gioco mostra il fianco, trattandosi alla fin fine di una serie di lanci di dado consecutivi tra personaggio e nemico dove dovrete gestire le vostre risorse al meglio. Il sistema funziona, ma in quei frangenti perde completamente ogni legame narrativo per divenire uno scontro a turni che sembra uscito dai classici RPG da console.

Manuale: Seekers è un progetto che esce da un Kickstarter di successo e si vede, 192 pagine con illustrazioni molto belle e tematizzate. Assicuratevi di avere un buon supporto per consultare il file perché il gioco richiede di continuo di avere sotto mano il testo per usare tabelle e altro.

Valutazione: ho trovato Seeker un ottimo solo RPG, se vi piacciono le atmosfere esoteriche e horror (per me ottime da vivere in solitario) troverete un mondo di gioco ricco e sfaccettato che però si perde leggermente in regole e statistiche per venire incontro all’assetto dadoso dei combattimenti. Ho iniziato da poco una campagna e devo dire che il gioco fornisce spunti e situazioni da portare avanti a lungo. Come già detto il manuale (194 pagine) è da consultare di continuo per cui assicuratevi un supporto valido su cui utilizzare il pdf.

Seekers Beyond The Shround è un gioco di Alex T. pubblicato da Exalted Funeral. Potete trovare il PDF per 18 dollari a https://www.drivethrurpg.com/product/298721/Seekers-Beyond-The-Shroud

E dopo l’horror cambiamo totalmente registro con:

Cat’s Dream

Ambientazione: questo gioco pesca a piene mani dalle atmosfere dei film Ghibli come Totoro e Laputa, mixato ad altri classici come Labyrinth e Alice nel Paese delle Meraviglie. Inutile dire che per me è stato instabuy. Il gioco ci metterà nei panni di un bambino/adolescente che incontra un gatto molto strano e, seguendo il felino attraverso una porta magica, verrà catapultato in un mondo fantastico. Si parla quindi di magia e viaggi avventurosi per tornare a casa.

Creazione del Personaggio:  Cat’s Dream utilizza un mazzo di carte francesi con cui generare tutti gli spunti di gioco. Il nostro protagonista sarà caratterizzato da un nome, qualcosa che “vuole” e che sarà una sorta di obiettivo in gioco e una breve descrizione di chi è e cosa fa nel mondo reale. Il manuale presenta diverse tabelle dove pescando una carta dal mazzo avremo diverse ispirazioni. Ci sono poi 3 caratteristiche: Speranza, Paura e Forza che però non saranno generate subito ma varieranno nel corso del gioco in base ai risultati delle varie scene.

Sistema di gioco: Cat’s Dream si sviluppa attraverso una serie di scene in un numero totale che decideremo a inizio partita, e che ci daranno un’indicazione generica della durata (un’oretta per una sessione standard) collocando questo gioco in una perfetta scelta per giocare una one shot veloce. A ogni scena dovremo pescare una carta e in alcuni casi lanciare 1 dado da 6, per ottenere un incontro che il nostro Protagonista farà nel mondo magico. Dalla tabelle esce davvero di tutto: pericoli,alleati e nemici ricorrenti che rimangono sempre tematizzati sul genere un po’ fantasy e un po’ sognante tipico delle opere di Miyazaki. Ogni incontro ci porterà a una sfida che sarà su una delle tre caratteristiche e che ci dirà come proseguiremo nella storia. In caso di fallimento potremo ritentate ma attenzione: se il mazzo di carte finisce, finirà anche la nostra avventura senza aver ottenuto il nostro scopo! Il sistema di gioco è semplice e molto ben calibrato e sono rimasto piacevolmente stupito di come riesca generare situazioni e personaggi interessanti che poi potremo arricchire con la nostra narrazione. Ci sono tante piccole tabelle e sistemi per creare nemici ricorrenti o alleati simpatici che ci accompagneranno nel viaggio, il tutto semplicemente tramite la pesca delle carte.

Manuale: Cat’Dream è un manuale di 68 pagine illustrato a tema e ben strutturato per una consultazione veloce.

Valutazione: un ottimo solo RPG, se vi piace la fiction di riferimento non potrete non carpire tutto l’amore verso questo tipo di storie che trasuda da questo piccolo manualetto. Dovendo trovare una pecca, il testo nomina più volte un gioco avanzato che però sarà pubblicato a parte, dividendo in due un testo che forse poteva essere più corposo già un questa edizione. Ciò non toglie che vi troverete in mano un gioco completo e decisamente ben fatto.

Cat’s Dream è un gioco di Tobie Abad pubblicato da TAG Sessions. Potete trovare il PDF per 9,99 dollari a https://www.drivethrurpg.com/product/288587/Cats-Dream?term=cat%27s+dream

Proseguiamo il nostro viaggio con una fermata nel fantasy classico, con:

Iron Sworn

Ambientazione: il gioco prende piede nelle Ironlands, una penisola dei mari del nord dove comunità isolate tentano di sopravvivere a un ambiente ostile e pieno di pericoli. Abbiamo tutti i crismi del dark fantasy, con un cataclisma che ha sconvolto il passato e un presente fatto di lotta per la sopravvivenza. Il manuale ci presenta poi una carrellata delle varie regioni in cui potremo viaggiare e vivere le nostre avventure.

Creazione del Personaggio:  parto subito dicendo che Iron Sworn è un gioco bello carico di sistemi e regole, fortemente strutturato e decisamente funzionale. Già dalla creazione del Personaggio le opzioni si sprecano, e a fianco delle cinque caratteristiche principali (Edge, Heart, Iron, Shadow e Wits) troveremo una valanga di altri parametri:

  • Bond: ovvero i legami con PNG importanti.
  • Vows: i voti, ogni personaggio di Iron Sworn ha almeno un voto che farà da guida alle sue avventure portando in gioco le tematiche che sceglieremo.
  • Momentum: un valore che varia di continuo nel gioco e che fornisce bonus alle prove.
  • Debilites: le condizioni che il personaggio può subire, ferite, maledizioni ecc…
  • Healt, Spiriti e Supply: i valori delle diverse risorse del personaggio.
  • Assets: un mix di 3 abilità speciali che potremo scegliere per rendere unico il nostro eroe.

Come potete vedere, Iron Sworn non è semplice ne punta a volerlo essere, ma se vi piace un gioco molto caratterizzato avrete di che sbizzarrivi.

Sistema di gioco: premetto che per parlare bene dell’intero sistema servirebbe una recensione a parte, qui mi limiterò a segnalarvi le principali caratteristiche che potrete approfondire in caso di interesse visto che parliamo di un pdf gratuito 😉

Iron Sworn sui basa fortemente sui sistemi PBTA (Powered by the Apocalypse) la cui dinamica principale sono le Mosse. Una mossa è una precisa istanza di gioco che si attiva quando nella narrazione il personaggio compie ciò che la mossa richiede, colpire un nemico oppure manipolare un interlocutore tramite le parole, quando ciò si verifica si passa ai dadi e sempre la mossa ci dirà cosa accade. Semplice, lineare e uno dei miglioro sistemi mai concepiti per tenere legati fiction narrata e regole. In Iron Sworn ci sono TANTE  mosse, praticamente per ogni cosa, il che è utile perché il gioco non vi lascia mai in dubbio su come risolvere una situazione ma che mi lascia l’idea di molto tempo perso nel consultare il manuale finché non si avrà dimestichezza con la miriade di opzioni. Il gioco in solitario è gestito tramite l’Oracolo, una mossa che vi darà una risposta a cosa sta accadendo nella storia. Iron Sworn non è quindi solo un gdr in solitario, il solo play è una delle possibili opzioni ma potrete giocarlo tranquillamente in gruppo con o senza GM.

Manuale: 270 pagine fitte di regole e mosse, senza i vari Asset per creare il personaggio che trovate in una ALTRO documento! 😀 Iron Sworn non è per tutti i palati ma vi garantisco che si legge bene e ogni singola parte trasmette un ottimo feeling. Le illustrazioni sono foto di gente vestita da live fantasy, ma tutto sommato non ci stanno male.

Valutazione: Iron Sworn è un gioco bello solido, quasi granitico, che mostra un lavoro enorme di realizzazione. Non ho avuto ancora modo di provarlo perché aspetto che mi arrivi la versione stampata, sicuramente più facile da consultare al volo durante una partita. Se vi piace il fantasy e un sistema che vi supporti alla grande in ogni singolo momento dateci un occhio.

Iron Sworn è un gioco di Shawn Tomkin. Potete trovare il PDF gratuito o varie versioni in POD a https://www.drivethrurpg.com/product/238369/Ironsworn

Il quarto titolo di questa serie di solo RPG è il più atipico perché qui la componente GDR è molto più marginale:

Dungeon Solitarie Labyrinth of Souls

Ambientazione: Dungeon Solitarie presenta il classico setting fantasy dalle tinte oscure, dove giocheremo un esploratore di dungeon in partire one shot o in campagne più strutturate.

Creazione del Personaggio:  non c’è una vera e propria creazione del personaggio, il gioco si sviluppa come un solitario di carte e mano a mano che pescate otterrete oggetti e abilità speciali da usare durante l’esplorazione. Nella modalità campagna si può fare esperienza ma si tratta semplicemente di un modo per iniziare la partita con alcune carte già sulla scheda.

Sistema di gioco: ci troviamo di fronte a un classico solitario con le carte ma strutturato in modo da simulare la discesa in un dungeon del nostro personaggio. Le carte sono divise in effetti in base al seme: cuori per i punti vita, picche per i nemici e gli arcani maggiori per i tesori e le stanze speciali del dungeon. La partita è decisamente lineare: gireremo una carta a turno posizionandola in base all’effetto sul tavolo. Pescando otterremo oggetti e seguaci da spendere in un secondo momento per superar e le sfide. Il tutto è molto in balia della pescata, perché appunto stiamo giocando un solitario.

Manuale: 156 pagine per 3 modalità di gioco che aggiungono di volta in volta opzioni nuove, campagne alternative e chi più ne ha più ne metta anche se alla fin fine sempre di un veloce solitario con le carte si tratta. Menzione speciale per le illustrazioni a cura di Josepe Vandel che sono SPETTACOLARI, ai tempi feci il Kickstarted di questo gioco solo per avere il mazzo di tarocchi illustrato da lui. 

Valutazione: Dungeon Solitarie di gioco di ruolo ha davvero poco, il sistema non spinge davvero nulla che non metteremo di nostra iniziativa ma è comunque un solo game a tema dungeon crawl e vista la semplicità mi sembrava comunque interessante da mettere alla vostra attenzione. Se preso senza troppe aspettative può regalare qualche ora di sano divertimento.

Dungeon Solitarie Labyrinth of Souls è un gioco di Matthew Lowes pubblicato da Wierd Fiction & Games. Potete trovare il PDF per 6,99 dollari a https://www.drivethrurpg.com/product/196011/Dungeon-Solitaire-Labyrinth-of-Souls–Complete-Rulebook?term=dungeon+solita

Tutti i giochi presentati in questo speciale sono il lingua inglese, per questo vi segnalo Explorers, italianissimo gioco che ho già avuto modo di recensire sul blog e che presto vedrà una seconda edizione riveduta e ampliata. Potere trovarlo qui: https://www.torrenera.it/giochiamo-a-explorers/

Ed eccoci alla fine di questo lungo speciale, spero di avervi incuriosito al mondo dei GDR in solitario e magari avervi dato un piccolo aiuto a passare meglio queste settimane di quarantena.

Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *