Pataphysic Wander… ne ho le prove, Alberto alla notte non dorme.

Ciao a tutti e ben tornati sulle pagine del blog della Torre Nera. Oggi ho l’opportunità di parlarvi di uno dei due manuali che ho ricevuto in anteprima da Black Box Games , autori di diversi riuscitissimi manuali, fra cui “OMEN”  il “candidato gioco di ruolo dell’anno” per LUCCA 2017.

Dreamlord Press, l’etichetta che ha importato “FATE” in Italia.

I due manuali che ho ricevuto sono ambientazioni per il gioco di ruolo FATE BASE o ACCELERATO, entrambi sotto etichetta Dreamlord Press.

Inizio con

I Sognatori, sono i protagonisti di questa nuova ambientazione.

—Pataphysic Wander—

«La patafisica è la scienza delle soluzioni immaginarie, che accorda
simbolicamente ai lineamenti le proprietà degli oggetti descritti
per la loro virtualità.»

Il percorso che ci porta alla crescita è sempre in salita.

Pataphysic Wander è un progetto coraggioso, nato dal genio creativo di Alberto e Daniel. In questa ambientazione giocheremo nei ruoli di adolescenti e  del loro percorso per diventare adulti. Ogni protagonista porta con se un problema, un disagio che lo porta a fuggire dalla realtà e a rifugiarsi in un mondo immaginario. Bene, questi adolescenti fuggono dalla realtà inventandosi mondi in cui vivere, ma i Traumi non si lasciano semplicemente “mettere da parte” e inseguono i protagonisti anche in questa 2° realtà. Qui i giocatori dovranno affrontare i propri problemi, che prenderanno forme concrete, diventando mostri, ostacoli o pericoli. Il risultato della battaglia contro questi Traumi,  permetterà all’adolescente di riscattarsi e di diventare un adulto o lo condannerà a una vita, vittima dei propri incubi.

Capite subito che il tema trattato può diventare piuttosto “forte”, in queste poche righe di introduzione ci si può vedere di tutto.  Prima di iniziare a giocare, Alberto consiglia di porre alcune condizioni, alcuni confini su cui basarsi per non urtare la sensibilità dei partecipanti.

Entriamo in merito alle meccaniche di gioco:

La rappresentazione di un Trauma… immagino che a ognuno di noi vengano in mente diversi possibili sviluppi.

I “Sognatori” questo è il nome degli adolescenti che si muovono nel Mondo dei sogni. Ogni personaggio è caratterizzato da quattro
aspetti: Io, Trauma, Potere dei sogni, Connessione più un aspetto variabile definito Approccio di riferimento. La controparte “Cattiva” dei Sognatori invece è “L’Incubo” costituito da aspetti creati  dal GM.  Il nemico dei Sognatori incarna i loro traumi nel mondo dei sogni. La particolarità degli aspetti incubo, è che sono di una “scala” superiore ai classici aspetti, sono estremamente potenti e spesso invalicabili per un Sognatore che non sia adeguatamente preparato ad affrontarli. Gli aspetti incubo sono a tutti gli effetti degli sbarramenti narrativi su cui i Sognatori devono lavorare, nel tempo, per avere la meglio della loro nemesi. Un esempio?

“L’incubo incontrato da Joshua prende forma
ne il Circo dei tormenti ed è rappresentato da
una compagnia di tetri clown che si dilettano
a tormentare il prossimo con giochi e scherzi
mortali.”

Una delle cose che ho apprezzato maggiormente nel sistema di gioco sono i 4 approcci su cui sviluppare i Sognatori: Aggressivo, Rifessivo, Empatico e Istintivo. In modo semplice Alberto ci permette di delineare il carattere del nostro adolescente e di capire come interagisce con l’ambiente circostante.

Mmmm… questo mi sembra chiaramente ostile.

In fondo al manuale, troviamo tanti suggerimenti, luoghi e personaggi creati dai ragazzi di Black Box, tutti “spunti” che possiamo inserire nelle nostre sessioni, ecco a voi alcuni esempi:

“Lame della notte
Si nascondono nei più profondi recessi della
città, esseri un tempo umani che hanno perso
ogni parte del loro animo. Le lame della notte
non vogliono altro che emozioni da consumare
come una droga e sentire per pochi
istanti ciò che ormai gli è precluso.”

“I Lupi Dorati
Se giungi nel territorio dei Lupi Dorati te
ne accorgerai all’istante, i lupi amano dare
sfoggio ai trofei vinti a duello e, non ti preoccupare,
non passeranno più di una manciata
di secondi prima di avere tutto il branco
addosso. Abili spadaccini, fidati compagni o
terribili avversari: gioca bene le tue carte per
guadagnarti il loro rispetto!”

“La vecchia quercia
Esiste un vecchio albero, così antico che molti
abitanti della foresta lo ritengono antecedente
al mondo dei sogni stesso. La vecchia quercia
riposa da millenni in attesa di un valoroso
prescelto che compia per lui una missione
di vitale importanza. Nei secoli , tanti campioni
si sono succeduti e tante volte, forse, il
mondo dei sogni è stato inconsapevolmente
salvato.”

Come avrete capito, l’ambientazione è “gustosamente” onirica e fiabesca, con una dose di “crudo realismo”. Pataphysic Wander richiama alla mente classici come Labyrint, La storia infinita, Peter Pan, Karakuri Circus, opere che  il manuale cita chiaramente.

Le illustazione del manuale calzano bene al tema trattato, e sfogliare il manuale è un piacere per gli occhi. I ragazzi di Black Box Games riescono a produrre un prodotto che oltre ai contenuti interessanti, si propone veramente bene anche come “appeal”.

Un gigantesco amico corvo… ci può aiutare a vedere i problemi da un altra prospettiva?

Il secondo mauale che ho ricevuto in anteprima è Valhalla Risign, 2° modulo di espansione per il riuscitissimo Evolution Pulse… ma per leggere una recensione di questo, dovrete aspettare ancora qualche giorno, io alla notte, dormo 😉 .

 

Un commento su “Pataphysic Wander… ne ho le prove, Alberto alla notte non dorme.”

  1. Pingback: RedTyrion

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *