Giochiamo a… Roll Player

Ciao a tutti e ben tornati sulle pagine di questo blog, oggi vi parlo di un gioco fresco di Lucca Comics&Games 2018 (nella sua edizione italiana) ma che già nei precedenti Kickstarter ha riscosso un discreto successo: Roll Player.

Di cosa stiamo parlando?

In roll player ci troveremo a creare il classico personaggio di un Gdr totalmente ispirato al famosissimo Dungeons&Dragons, con lo scopo di ottenere la miglior ottimizzazione della scheda e quindi accumulare più punti vittoria di tutti.

Come è facile intuire, il tema del power player è abbastanza un classico nel mondo del Gdr ma in roll player diviene il fulcro del gioco, tra l’altro con meccaniche e idee davvero belle e funzionali.

Già dal setup si parte con un’ottima atmosfera e ogni giocatore sceglierà una razza da giocare, ricevendo una scheda/plancia dove piazzare i dadi delle sei caratteristiche che ovviamente saranno:

  • Forza
  • Destrezza
  • Costituzione
  • Intelligenza
  • Saggezza
  • Carisma

Lo scopo del gioco sarà quindi piazzare a ogni turno un dado su una delle 6 caratteristiche per creare una combinazione di 3 e un valore finale che ci dirà il punteggio del nostro personaggio. I dadi sono divisi per colore, ognuno assegnato a un tipo di classe più quelli oro, che rappresentano le monete con cui comprare l’immancabile equipaggiamento di avventura.

Roll Player non lascia niente al caso e sulla scheda troveranno spazio:

  • La carta della classe, che oltre a dare un’abilità speciale unica ci dirà che punteggi dovremo cercare di raggiungere per ottenere punti a fine partita.
  • La carta del background, che ci fornirà una combinazione di dadi colorati divisi sulle sei caratteristiche che se soddisfatta concede altri punti bonus.
  • Una carta allineamento, con una piccola griglia di 9 caselle e un token che partendo dal centro si muoverà in base alla nostra scelta di carte tratto e abilità, finendo su altre caselle con malus o bonus ai punti vittoria finali.

Posso garantire che già dal setup vengono fuori personaggi molto originali e che a un giocatore di ruolo strapperanno più di un sorriso ,come l’Elfo Chierico, Patrizio e Lunatico dell’ultima partita che ho giocato!

La partita è divisa in due fasi, la prima dove a turno, partendo dal primo giocatore ognuno sceglie un dado da una serie generata e la mette sulla scheda, e la seconda, dove tramite una fase di mercato ci si porterà a casa una delle carte sul tavolo.

Esistono infatti 4 tipi di carte acquistabili per caratterizzare ulteriormente il personaggio:

  • Armi: che danno un’abilità speciale variabile
  • Armature: divise in 3 set, daranno punti vittoria proporzionali a quante se ne accumulano
  • Abilità: utilizzabili a ogni turno per svariati effetti ma che ogni volta muoveranno l’indicatore di allineamento
  • Tratti: che donano punti bonus a fine partita

A questo punto è facile pensare che il gioco sia molto aleatorio ma in verità esistono tutta una serie di meccaniche per controllare i valori sulla scheda e di fatto, Roll Player è più un gioco di gestione e piazzamento di risorse davvero ben congegnato.

Ogni dado piazzato sulla scheda attiva un’abilità speciale che ci permetterà di capovolgere facce, scambiare posizione e rilanciare i dadi stessi, andando costantemente a rivedere i punteggi e permettendo di pianificare un ottimo controllo della strategia anche su più turni. Posso piazzare un 1 in Carisma e poi in seguito capovolgerlo in un 6 grazie a un dado piazzato in Forza e così via.

Roll Player supporta da 2 a 4 giocatori girando davvero bene nelle ormai numerose partire che ho fatto. L’alto grado di combinazioni, classi di personaggio ed effetti, danno una bella variabilità e profondità al gioco, unito a partite rapide e avvincenti che non sono mai durate più di un’ora, risultando decisamente facile da spiegare e intavolare.

Se ti è piaciuta questa recensione, puoi trovare Roll Player nella sua versione italiana da Ravern Distribution.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *