Costumi fantastici e dove trovarli

Benvenuti o bentornati! Questa è una nuova puntata di “Gioco di Ruolo in pillole”: una piccola rubrica mensile, scritta per la collaborazione tra le due associazioni Camarilla Italia e Torre Nera, che si pone come scopo quello di spiegare cosa c’è alla base di questo hobby.

Una guida, stilata da me medesima senza alcuna pretesa professionale, chiara e concisa: una pillola da mandare giù tutta d’un fiato.

 

Una componente visiva molto importante per i giochi di ruolo dal vivo è ovviamente il costume indossato, cosa che può essere difficoltosa da realizzare, specie per chi è alle prime armi.

Per fare un costume ci vuole tanta inventiva e una buona abilità manuale, per questo capita d’incontrare giocatori che si cuciono il proprio abbigliamento da sé. Se la macchina da cucire non è esattamente la vostra migliore amica (come per la sottoscritta) e non potete commissionare il lavoro a qualcuno né affidarvi a siti di vendita specializzati, basterà un po’ d’ingegno per un risultato soddisfacente!

Non serve essere intenditori di moda. Prendendo come esempio l’ambientazione di “Vampiri: Il Requiem”, uno dei giochi portati avanti in Camarilla Italia, ci si imbatte in elementi tipicamente gotici, ma al tempo stesso contemporanei. In questo modo il costume può essere simile a come vestite normalmente e qualche pendaglio o accessorio particolare possono solo caratterizzare maggiormente.

Guardarsi intorno è il primo passo. Negli ultimi anni non ho potuto fare a meno di notare quanti capi di vestiario bizzarri vengano venduti nei negozi, spesso quelli gestiti dagli orientali, a prezzi modici. Mi vengono subito in mente, ad esempio, felpe e maglie dalla forma irregolare, più lunghe da un lato e realizzate in tessuti differenti tra loro. Sembrano scarti, ma giocano molto a favore dei GdR. Un coprispalle di pelo sintetico è l’alleato perfetto per un personaggio selvaggio e barbarico, così come le camicie “vintage” (a cui aggiungere, magari successivamente, uno jabot) con sbuffi sul collo e sui polsi danno un risultato caratteristico e originale, sia a uomini che a donne.

Il mantello è un articolo piuttosto comune da utilizzare, che esso sia di lana o pile. La cosa che più vi verrà sconsigliata è l’utilizzo delle scarpe da ginnastica: sono più adatti stivali o scarponi comodi a cui aggiungere delle ghette in similpelle (si trovano spesso tra gli articoli di carnevale, per esempio.

Il paese delle meraviglie, però, è il mercatino dell’usato: luogo di molteplici sorprese e spesso sede di oggetti assolutamente inusuali. Sembra quasi di fare un tuffo nel baule dei nonni e uscirne fuori con cappotti di pelle, maglie dai colori vivaci e chincaglieria d’altri tempi.

Anche le mercerie possono tornare utili: capita di trovare scampoli di tessuto dalla fantasia particolare e che può abbinarsi perfettamente al personaggio che state creando.

Maggiore cura darete ai dettagli, migliore sarà il risultato. Quanto detto si applica a tutti i gdr contemporanei, maggiori approfondimenti sul medieval/fantasy e giochi futuristici verranno in seguito.

 

Grazie per aver letto il mio articolo. Alla prossima!

Tiziana Valentino

Gruppo letterario Camarilla Italia

www.camarillaitalia.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *